Print this page
Scritto da  2014-09-25

Apple, politiche sulla Privacy

(4 Voti)
In seguito alle vicende che hanno portato nelle scorse settimane alla diffusione in internet di fotografie private, conservate su iCloud, di famose attrici e modelle, la Apple ha reagito con una lettera aperta da parte del CEO, Tim Cook, nella quale viene chiarita la politica da parte dell’azienda in termini di privacy e gestione delle informazioni personali, negando che l’accaduto possa essere scaturito da una violazione dei suoi sistemi di sicurezza.

 

Viene specificato che è stata semplificata la modalità attraverso la quale è possibile decidere di non condividere determinati contenuti. Inoltre gli utenti vengono rassicurati che mai l’azienda ha lavorato con agenzie governative per diffondere dati sensibili e nemmeno consentito l'accesso ai loro server. Questa lettera fa da introduzione ad una nuova sezione istituita nel sito ufficiale dell’azienda nel quale si vuole spiegare in maniera chiara e trasparente quali siano le modalità di gestione dei dati personali degli utenti.

Tale vicenda è destinata a creare una lunga scia di polemiche e riflessioni, una sorta di doccia fredda nell’era della condivisione, soprattutto per i grandi colossi dei social network che saranno costretti a rafforzare le misure di protezione per tutelarsi da altri attacchi da parte di hacker. Sorge la consapevolezza che quanto accaduto sia stato un avvertimento delle potenzialità di poter superare anche le più rigide soglie di sicurezza.

 

Questo blog non rappresenta in alcun modo una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato periodicamente e perciò non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Condividi su:

Condividi su G+ Condividi su Facebook Tweet

Articoli collegati